CONTROLLO MOTORIO - ImproVR Training
1036
post-template-default,single,single-post,postid-1036,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_768,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

CONTROLLO MOTORIO

Questa capacità assieme a quelle di adattamento e apprendimento motorio fa parte delle tre capacità coordinative generali.

Di definizioni ce ne sono molte, ma in generale si può definire come la capacità di controllare un movimento secondo un programma motorio prestabilito.

Prima dei 5 anni un bambino difficilmente riesce a controllare bene i movimenti, per cui da 6 anni possiamo iniziare a rendere più difficile la richiesta del compito motorio tramite esercizi di differenziazione e combinazione di gesti e movimenti.

Il picco di crescita si attesta attorno ai 7 anni grazie ad una maggiore capacità di percepire i feedback propriocettivi ossia le informazioni provenienti dai propri movimenti, nonché posizione di segmenti corporei, articolazioni, contatti cutanei ecc.

Sarà importante cercare di sviluppare questa abilità dal facile al difficile e dal semplice al complesso, e in forma ludica se si ha a che fare con bambini, dando libero sfogo alla fantasia senza aspettarsi movimenti perfetti.

I movimenti dei bambini piccoli infatti sono spesso poco coordinati, fuori tempo e fuori misura; per questo sarà premura dell’educatore non avere fretta e non correggere troppo il bambino per non generare frustrazione e allontanamento, e fornirgli gli strumenti per un’autocorrezione.

Ultima nota da portare alla vostra attenzione è la differenza nei due sessi: dove le femmine presentano uno sviluppo più precoce di questa capacità a dispetto dei maschi.

Per allenare questa capacità si possono usare forme diverse di gioco con tanto spazio, con poco spazio, esercizi propriocettivi, in sovrannumero o in sotto numero, ecc.